Biblioteca Nazionale Centrale Firenze

18 novembre 1999
Tribuna Dantesca

Con un Convegno ed una Mostra dedicati alla poetessa e scrittrice austriaca Friederike Mayr÷cker la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze rilancia gli appuntamenti con la grande poesia contemporanea ed internazionale, inaugurati due anni fa con Wislawa Szymborska, la poetessa polacca Premio Nobel 1996 per la letteratura. Giovedý 18 novembre presso la Sala Dante si svolge dalle ore 10 il Convegno Friederike Mayr÷cker. Un'esistenza di scrittura, promosso dal Ministero per i Beni e le AttivitÓ Culturali, dalla Biblioteca Nazionale Centrale fiorentina, dal Dipartimento di Filologia moderna dell'UniversitÓ degli Studi di Firenze e dall'Istituto austriaco di Cultura a Roma. Alla Tavola rotonda partecipano, oltre all'autrice, illustri germanisti e studiosi di letteratura quali Sara Barni, Anna Chiarloni, Anton Reininger, Luigi Reitani, Wendelin Schmidt-Dengler, Uta Treder e Giuseppe Zigaina. Nel pomeriggio, alle ore 17, s’inaugura la Mostra che raccoglie circa duecento pezzi tra fotografie, disegni e riproduzioni di manoscritti e dattiloscritti dell’autrice, tra cui anche la sua pi¨ recente produzione poetica ancora inedita. Interverranno Antonia Ida Fontana, direttrice della BNCF, Paolo Blasi, magnifico Rettore dell’UniversitÓ degli Studi di Firenze, e GŘnter Birbaum, ambasciatore d’Austria in Italia. Leggeranno i testi la stessa Friederike Mayr÷cker e la poetessa fiorentina Rosaria Lo Russo. Alle ore 18 si tiene il Concerto del Trio Artes, con musiche per archi di Franz Schubert e Arnold Sch÷nberg.



Friederike Mayr÷cker, viennese, Ŕ considerata tra i massimi scrittori contemporanei di lingua tedesca, molto nota, apprezzata e tradotta in Europa e in America. Il Convegno e la Mostra vogliono dare un'occasione per far conoscere anche in Italia la potenza e la singolaritÓ dell'universo poetico di questa figura che ha attraversato da protagonista le varie stagioni della letteratura europea del secondo Novecento. Fin dall'esordio nel 1946 con poesie sulla rivista Der Plan, l’immaginario poetico di Mayr÷cker si nutre dell’esperienza romantica e surrealista, arrivando ad elaborare una poetica dove vita e scrittura si toccano sempre di pi¨ fino a coincidere. Negli anni Cinquanta intraprende con audacia e insieme rigore la strada della sperimentazione linguistica, stringendo forti legami con il Gruppo di Vienna e inizia un'intensa collaborazione con Ernst Jandl che porta alla stesura a quattro mani di splendidi radiodrammi. La scrittura di Mayr÷cker procede attraverso collages, frantumazioni, spezzature e ricomposizioni continue; il linguaggio Ŕ sempre rivelazione, disvelamento, e il lavoro dello scrittore Ŕ assumersi in prima persona il flusso continuo delle percezioni e del divenire esistenziale. Se la scrittura Ŕ anche arte della visione, non stupisce che nell'opera di Mayr÷cker ci sia sempre un forte richiamo all’arte figurativa tanto che vari pittori si ergono a numi tutelari di molti suoi testi, come l'ultimo Goya in Viaggio attraverso la notte del 1984. A partire dagli anni Ottanta il suo lavoro si snoda lungo due filoni paralleli di prosa non narrativa, ad alta densitÓ emotiva e metaforica, e di raccolte liriche e continua sotto il segno di un’inesausta energia creatrice. "Lo scrivere Ŕ per me non solo l’analisi di un respiro, di uno sguardo, di un viaggio nei luoghi dell’infanzia, ma Ŕ anche il rapporto con il mondo della parola di ieri e di oggi".


Traduzioni italiane:

Poeti austriaci tradotti da Ervino Pocar, Guerini associati, 1992.
Viaggio attraverso la notte, a cura di Sara Barni, Sellerio, 1994.
Fogli magici, a cura di Luigi Reitani, Marsilio, 1998.
Luci lune luoghi. Antologia di poesia austriaca contemporanea, a cura di Luigi Reitani, Marcos y Marcos, 1999.


La Mostra

Giovedý 18 novembre, alle ore 17, s'inaugura la Mostra che raccoglie circa duecento pezzi tra fotografie, disegni e riproduzioni di manoscritti e dattiloscritti dell'autrice. Sono esposte anche le riproduzioni di dattiloscritti con le pi¨ recenti poesie, ancora inedite, della scrittrice viennese. Si tratta di una mostra itinerante, partita cinque anni fa a Vienna in occasione dei settant'anni della scrittrice, e successivamente ospitata a Berlino e Budapest. L’interesse della mostra Ŕ non solo nella documentazione del lavoro dell’autrice, ma nel tentativo di ricostruire la sua officina poetica: come nella stanza in cui lavora, piena fino all’inverosimile di libri, quadri, manifesti e una miriade di altri oggetti, cosý Mayr÷cker da appunti, foto, citazioni e foglietti sparsi intorno alla pagina ricompone il testo poetico.

Dal 18 novembre al 18 dicembre 1999

Orario:

Dal lunedý al giovedý   9 - 18:45
Venerdý e sabato   9 - 13
chiuso la domenica e festivi

Ingresso libero

Per informazioni:

Ufficio Promozione Culturale - Artemisia Calcagni   tel. 055/24919286

Ufficio Stampa - Daniela Vanzi    tel. 055/241151 – Fax 055/2342482

 


http://www.bncf.firenze.sbn.it/notizie/testi/Mayro.htm
Home Page Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze
n° doc.101 del 18/11/1999