BNCF - Proquest

  Digitalizzazione dei fondi antichi
 
   
proquest
 

Un accordo tra la società ProQuest e la BNCF porterà alla digitalizzazione di volumi a stampa posseduti dalla BNCF pubblicati fino all’anno 1700.

Dai primi mesi del 2011 sono liberamente accessibili i primi risultati del progetto consultabili con la funzione di Ricerca RAPIDA oppure di Ricerca AVANZATA

Si tratta a oggi di 6693 testi completamente digitalizzati ad alta risoluzione a milioni di colori. 

Delle collezioni della BNCF, sono entrati nel progetto ProQuest: incunabuli, aldine, sacre rappresentazioni, postillati, Magliabechiani (da Magl.1.1 a Magl.3.3) dell'arco temporale 1465-1700
I record bibliografici sono via via prodotti dal settore di catalogazione dei materiali antichi della BNCFe riversate in SBN. La BNCF deterrà le copie master delle digitalizzazioni stesse a fini di conservazione.
Obiettivo finale del progetto portato avanti da ProQuest è la creazione di una base dati (EEB - Early European Books ) composta dalle digitalizzazioni di tutti i volumi a stampa pubblicati in Europa dal 1465 al 1700, analogamente a quanto ha già realizzato con  EEBO  (Early English Books Online) per i volumi a stampa pubblicati in Inghilterra, Scozia, Irlanda e nelle aree del Nord America di influenza inglese. Il repertorio EEBO è accessibile dalle postazioni della BNCF all’indirizzo: 
 
Le digitalizzazioni per EEB vengono condotte all’interno della biblioteca e sotto il controllo dei bibliotecari. L’accordo stipulato tra la BNCF e ProQuest per la realizzazione di questo progetto è stato oggetto di una lunga ed attenta trattativa il cui risultato è un punto di incontro di reciproco vantaggio  tra le ovvie esigenze di mercato di una proposta commerciale e i mandati fondamentali del versante pubblico.

Parte fondamentale dell’accordo è la libera e gratuita accessibilità ai materiali digitalizzati per chiunque si colleghi alla base dati dal territorio italiano, anche nella fase di costruzione della base dati stessa e durante tutto il periodo di validità dell’accordo, in cui ProQuest mantiene un’esclusiva sul prodotto da vendere all’estero.

Le digitalizzazioni consultabili via web sono in ottima risoluzione e sono visualizzabili con un indicatore di scala, ovvero con un righello che consente di misurare le dimensioni originali del volume. E’ inoltre disponibile una avanzata interfaccia di ricerca multilingue al cui interno è integrato il Thesaurus del CERL (Consortium of European Research Libraries, www.cerl.org) che include luoghi di pubblicazione, sigle editoriali, nomi di persona e di società presenti nei libri stampati in epoca pre-moderna, incluse le varianti ortografiche, le forme in Latino e altre lingue e gli pseudonimi. Il Thesaurus, composto da più di 700.000 record, consente ad esempio agli utenti di effettuare la ricerca in base alle forme moderne dei nomi di città e in una molteplicità di lingue (Venezia, Venice, Venedig) e ottenere risultati per le loro varianti storiche e latine; analogamente consente di effettuare la ricerca in base alle forme moderne dei nomi di persona quali Virgilio e ottenere risultati per 'Virgilius Maro, Publius' o 'Vergilio'.

La base dati è e sarà per i prossimi mesi ed anni in continuo accrescimento ed è liberamente consultabile per chi si colleghi dal territorio italiano all’indirizzo:
 



 

 




doc. n. 1050 del 22/04/2011 mod. il 31/10/2013