Europeana

  Europeana

 

Europeana Collections 1914-1918 è un progetto europeo triennale finanziato dalla UE a cui partecipa la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Nel 2014, centenario dello scoppio della Prima guerra mondiale, il progetto metterà a disposizione attraverso il portale di libero accesso Europeana una importante collezione di circa 400.000 documenti in formato digitale provenienti dalle collezioni di dieci Biblioteche nazionali europee ed altri partners che si trovarono su lati opposti del conflitto.

La Prima guerra mondiale rappresentò un conflitto di proporzioni senza precedenti che ebbe un fortissimo impatto sugli stati europei e sulla vita delle popolazioni dei paesi coinvolti e la Grande Guerra è ormai divenuta parte della memoria collettiva dell’Europa.

Anche per questo parte rilevante dei contenuti digitali originali del periodo della Prima Guerra Mondiale che verranno messi a disposizione dal progetto, in parte già usufruibili su Europeana, sono dedicati in particolare a documentare lo svolgimento della vita quotidiana nei paesi coinvolti nel conflitto e varie problematiche della guerra non tanto legate all’evoluzione delle vicende militari quanto a quelle della vita degli uomini e delle donne sia in trincea che nelle città o nelle campagne durante il periodo di guerra. Sul tema della Grande Guerra si potranno liberamente consultare libri, giornali, mappe, giornali di trincea, spartiti musicali, letteratura per ragazzi, libri di cucina, fotografie, pamphlets, volantini di propaganda, documenti delle associazioni di sostegno ai soldati, alle loro famiglie e alle famiglie dei caduti, biografie di guerra, ecc.

Tutti questi diversi materiali metteranno in luce la Prima Guerra Mondiale come parte di una comune identità europea, perché in modo diretto o indiretto, tutto il continente europeo fu coinvolto in questo evento al di là del campo in cui erano schierati i diversi paesi, delle differenze etniche o religiose. E permetteranno una più elaborata interpretazione storica che vada oltre la storia militare, includendo una nuova interpretazione della società nel suo insieme, dell’economia e dell’arte.

Con la partecipazione al progetto Europeana Collections 1914-1918 la BNCF intende quindi, oltre che proseguire la sua politica rivolta verso le digitalizzazioni, fornire un contributo alla discussione storiografica contemporanea, rendendo disponibili fonti ancora sconosciute o non sufficientemente studiate, in un momento in cui, in coincidenza con il centenario dello scoppio della Grande Guerra, questo tema verrà inevitabilmente posto all’attenzione generale. L’auspicio è che offrire la libera accessibilità a questa mole significativa di documenti di diversa natura non solo ad un pubblico di studiosi ma anche ad un’utenza molto più vasta ed in particolare alle giovani generazioni anche attraverso strumenti didattici, possa contribuire alla ricostruzione di una memoria collettiva sulla Grande Guerra ed al processo di consolidamento di una comune identità europea.



  
Lo scaldarancio



doc. n. 1054 del 28/11/2013