Biblioteca digitale - Manoscritti

Manoscritti in rete della Biblioteca Nazionale Firenze

Tutti i manoscritti digitalizzati della BNCF sono accessibili per Segnatura

Sono stati digitalizzati i manoscritti più rari e consultati della Biblioteca.

Manoscritti Islamici digitalizzati
La collezione della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze costituita da 137 manoscritti in lingua araba e 14 manoscritti in lingua persiana è stata interamente digitalizzata.

Galileo. Il Fondo galileiano della BNCF 

Il fondo Galileiano della BNCF, con le sue 347 filze manoscritte, rappresenta una delle documentazioni più importanti della storia della scienza fra '600 e '700. In esso sono raccolti quasi tutti gli autografi di Galilei fino ad oggi conosciuti, corredati da numerosi documenti, notizie e scritti a lui relativi, che permettono di ricostruire storicamente gli innumerevoli aspetti della sua vita privata e di scienziato.

La collezione galileiana comprende inoltre manoscritti dei discepoli di Galileo, (Castelli, Cavalieri, Torricelli, Viviani), i loro carteggi e quelli con i più importanti scienziati di tutta Europa, come Mersenne, Gassendi, Stenone, Peiresc. Infine della collezione galileiana fanno parte i manoscritti e i diari dell'Accademia del Cimento.

Il Fondo è stato interamente restaurato, catalogato e digitalizzato. Cio' è stato possibile grazie ai finanziamenti di due progetti. Il primo stanziamento risale al 1996 (Progetto Galileo). Le immagini sono state acquisite in alta risoluzione su pellicola fotografica. Successivamente, nel 2001, è stato possibile completare il trattamento digitale dell'intero Fondo grazie a parte delle risorse economiche stanziate per Biblioteca Universalis. In questo caso la digitalizzazione è stata eseguita con scanner stativi a 600 ppi di risoluzione in formato TIFF(LZW).

Durante la prima fase del Progetto (Galileo), è stata realizzata una struttura informativa che prevedeva, oltre alla presentazione dei dati bibliografici, la possibilità di avvalersi di una serie di guide e di indici, nonché la possibilità di consultare archivi bibliografici, biografici, degli autografi, terminologici ed iconografici. Sono state digitalizzate più di 15000 immagini, ed e' stata inoltre realizzata la trascrizione del carteggio dell'Accademia del Cimento. Anche questa trascrizione, corredata di un lessico che registra tutti i sintagmi o locuzioni che presentano un particolare interesse storico-scientifico, è disponibile in formato di testo elettronico ricercabile anche mediante modalità Full text. Diverso materiale è consultabile dal sito dell' Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze. Sempre nel 1996 è stato realizzato un prototipo di edizione elettronica del Ms. Galileiano 72. Frutto della collaborazione fra la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, l' Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze e l' Institut Max Planck di Storia della Scienza di Berlino.

Con il successivo finanziamento, oltre a completare la digitalizzazione di più di 80000 immagini, sono stati creati i metadati amministrativi e gestionali, secondo lo schema MAG. In questo caso è stata utilizzata la gestione dei metadati di struttura, dove a ciascuna segnatura corrisponde un unico file guida, riferito alla descrizione esterna del mss., che permette la visualizzazione delle singole unità codicologiche. 

Una panoramica delle digitalizzazioni in OPAC.





doc. n. 543 del 27/10/2006 mod. il 26/07/2012