La Biblioteca - Informazioni generali - Regolamento interno - Prestito

  • 1. In considerazione dei particolari fini istituzionali, la Biblioteca garantisce la disponibilità dei suoi documenti mediante la consultazione in sede; pertanto limita per fini istituzionali il servizio di prestito, sia locale che interbibliotecario.
  • 2 . Possono fruire del prestito diretto tutti i cittadini che risiedono in Toscana. Per periodi limitati di tempo possono fruirne anche:
    a) i cittadini italiani o di paesi comunitari che possono documentare le proprie necessità di studio o di ricerca e il proprio domicilio nella regione;
    b) i cittadini extracomunitari che, oltre a poter documentare le proprie necessità di studio e di ricerca e il proprio domicilio nella regione, siano presentati dal Consolato o dall'Ambasciata o da una istituzione culturale di rilevanza internazionale e siano in possesso della certificazione attestante il periodo di soggiorno.
  • 3. Per iscriversi al prestito è necessario presentare un documento d'identità e la tessera di ammissione alla Biblioteca e documentare il possesso dei requisiti richiesti al comma 2.
  • 4. Ogni cambio di residenza o di domicilio deve essere immediatamente comunicato all'Ufficio prestito, pena l'esclusione per non meno di sei mesi.
  • 5. Sono esclusi dal prestito:
    · le opere pubblicate prima del 1935 e negli ultimi cinque anni,
    · le opere in precario stato di conservazione,
    · le opere collocate nelle Sale di consultazione,
    · le opere di narrativa e di svago,
    · le pubblicazioni a dispense,
    · le opere con allegati o a tiratura editoriale limitata,
    · i cataloghi commerciali e di esposizioni,
    · le opere musicali,
    · i periodici,
    · i giornali,
    · gli atti ufficiali,
    · le miscellanee legate in volume o con meno di 50 pagine,
    · le pubblicazioni con particolari caratteristiche editoriali,
    · i volumi superiori ai 28 cm o inferiori ai 15 cm,
    · le tesi di dottorato,
    · il materiale trattato per gruppi,
    · le carte geografiche,
    · le incisioni e le stampe,
    · i volumi collocati in fondi storici e speciali,
    · i microfilm negativi e quelli destinati alle Sale di consultazione in luogo del documento originale,
    · tutti i volumi che sono stati sottoposti a interventi di restauro,
    · ogni altro materiale per il quale particolari ragioni sconsigliano l'allontanamento dalla sede.
  • 1. Possono essere prese in prestito due opere per un massimo di quattro volumi. La durata massima del prestito è di trenta giorni. È vietato dare ad altri i volumi ricevuti in prestito. È possibile prenotare i volumi già in prestito ad altri utenti.
  • 2. Per effettuare le necessarie revisioni tutti i volumi devono essere restituiti entro il 15 luglio di ogni anno. Dal 16 al 31 luglio non vengono concessi volumi in prestito.
  • 3. Chi non restituisce puntualmente il volume avuto in prestito è sospeso dal servizio per un periodo almeno pari al ritardo effettuato.
  • 4. Chi restituisce il volume danneggiato o lo smarrisce è tenuto, salve ulteriori sanzioni, al suo reintegro o al versamento di una somma comunque non inferiore al doppio del valore commerciale del volume.
  • 5. Chi non restituisce il volume o non lo reintegra è escluso dalla Biblioteca e denunciato all'autorità giudiziaria.
  • 6. Il prestito nazionale e internazionale sono ammessi solo tra biblioteche. Le opere ricevute in prestito nazionale e internazionale possono essere consultate soltanto in sede. 
Torna all'indice


doc. n. 576