La Biblioteca - Servizi - Riproduzioni

Nel rispetto della normativa vigente (art. 108 del DLgs 42/2004 così come modificato dall’art. 1,  comma   171 della L 124/2017) la riproduzione per uso personale di studio, ricerca e comunque per  le attività svolte senza fini di lucro delle opere possedute dalla Biblioteca è libera.

La libera riproduzione si attua come indicato dalla Legge sul diritto d'autore  nei limiti del 15% di volumi o fascicoli di periodici in commercio. Tale limite può essere superato solo nel caso di “opera rara o fuori dai cataloghi editoriali” tramite l’accettazione delle indicazioni della Biblioteca che avviene contestualmente alla richiesta di lettura o di prestito.

Per il materiale a scaffale aperto e per le opere richieste manualmente occorre compilare il modulo disponibile al Banco di distribuzione, nelle Sale di Consultazione e Manoscritti e nella Sala Periodici. In ogni caso occorre compilare e consegnare la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (art. 47 DPR 445/2000).
Gli utenti sono tenuti a leggere attentamente Norme di tutela per la riproduzione  del materiale

Le riproduzioni richieste da remoto e per motivi di studio per coloro che non vogliono avvalersi del mezzo proprio, sono effettuate in sede e il costo è a carico del richiedente. La Ditta incaricata del servizio rilascerà un preventivo di spesa secondo il  tariffario in vigore. Le richieste possono essere inviate tramite e-mail o lettera e devono essere corredate dei dati completi e dello scopo della richiesta.
Nel rispetto del richiamato art. 108 del DLgs 42/2004  e della Legge sul diritto d’autore:

a) le riproduzioni editoriali senza scopo di lucro sono libere previa comunicazione per via telematica alla Biblioteca del proposito di pubblicazione
b) le riproduzioni editoriali a scopo di lucro sono autorizzate dalla Direzione della Biblioteca ed effettuate in sede
    Tariffario delle riproduzioni per scopi editoriali
In entrambi i casi occorre citare la fonte dell’opera riprodotta e consegnare alla Biblioteca sia una copia della pubblicazione, sia una copia della riproduzione.

La riproduzione delle Tesi di dottorato di ricerca è autorizzata su richiesta scritta con allegata autorizzazione e fotocopia del documento di identità dell’autore.

 


         

 

 

 

 

 








 




doc. n. 579 del 18/12/2009 mod. il 28/08/2017