I grandi protagonisti della trattatistica architettonica del ‘400 e ‘500

Scopri e sfoglia le opere della sezione interamente digitalizzate. Qui di seguito i link alle copie digitali presenti nella collezione BNCF su Internet Archive o nella Teca BNCF.


Antonio Averlino, detto Filarete (Firenze, ca. 1400 - ca. Roma, 1469)

Trattato di architettura (red. sforzesca), [Milano], sec. XV seconda metà

Prima opera in lingua moderna sull’architettura, seconda come genere solo al De architectura di Vitruvio e al De re aedificatoria di Leon Battista Alberti. In 24  libri, fu offerta a Francesco Sforza, duca di Milano, nel 1464.

Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Palatino E.B.15.7 striscia 1411

Sez. 2/cat. II.6


Antonio Averlino, detto Filarete (Firenze, ca. 1400 - Roma, ca. 1469)

Trattato di architettura (red. medicea),  [Firenze], post 1483

Noto come Filarete Magliabechiano, questo splendido codice comprende sui margini 213 illustrazioni, di strumenti ed elementi architettonici, di edifici antichi, contemporanei e di sfrenata invenzione. 

Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Fondo Nazionale II.I.140

Sez. 2/cat. II.7

 


Francesco di Giorgio Martini (Siena, settembre 1439 - 29 novembre 1501)

Trattato di architettura civile e militare (Trattato II), sec. XV fine (post 1496 per il Trattato II)

Unico tra i libri degli architetti e ingegneri quattrocenteschi a riunire sotto la stessa legatura la trattazione antica di Vitruvio e l’opera originale dell’autore contemporaneo.

Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Fondo Nazionale II.I.141

Sez. 2/cat. II.8


Leon Battista Alberti (Genova, 1404 - Roma, 1472)

Silloge di opere volgari, sec. XV metà

Di Alberti la BNCF conserva le opere volgari, carte di lavoro scritte da più mani, in genere sotto la stretta sorveglianza dell’autore. È l’unico testimone integro del De pictura in volgare, col prologo a Filippo Brunelleschi.

Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Fondo Nazionale II.IV.38

Sez. 2/cat. II.9