Scuole di Lettura in Biblioteca
5 ottobre – 21 dicembre 1999

Figura interessante e originale nel panorama letterario italiano fin dagli esordi, Elio Pecora è nato in paesino della Campania, ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza a Napoli, dal 1966 vive a Roma, dove ha lavorato a lungo in una libreria. Curatore per sei anni di una rubrica letteraria su La Voce Repubblicana, ha collaborato a Mondo operaio, a Tempo illustrato, a Tuttolibri, a Nuovi argomenti, all’Espresso e a molte altre riviste, con racconti, versi, recensioni e scritti critici. E’ il curatore dell’opera inedita di Sandro Penna. Tra le sue opere ricordiamo Motivetto (1978), il romanzo Estate (1981), La chiave di vetro (1970), Sandro Penna. Una biografia (1990) e Poesie (1975 – 1985) del 1997.

 

Ai padri (da Interludio,1987)

Uomini spersi della mia infanzia
tutti partiti in un mondo di guerre
mai volli somigliarvi, disertori
delle case e dei figli.

Inverni cupi chiusero la valle
sempre di notte tuoni e tramestii
si sfiacchirono i vecchi patirono
le donne per gli assenti.

Il lupo nero vegliava nel bosco
il capro saldo precedeva il gregge
santi gentili fermi sugli altari
e solo voi lontani

Come fantasmi di un bene vietato
come venduti per vane fatiche
un poco pianti nei momenti mesti
e pure bestemmiati.

Poi ritornaste come forestieri
che nell’albergo trovano riposo
dal lungo viaggio che non sanno dire
dove li portò e quando,

né seppi darvi che la compassione
ma tanta ve ne venne dalle donne
che vi porsero scarpe e panni sani
per il giorno seguente.

 


http://www.bncf.firenze.sbn.it/notizie/testi/pecora.htm
Home Page Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze
n° doc.91 del 19/10/1999