Baldovinetti

Costituito da 273 manoscritti, il fondo Baldovinetti è una delle Serie della Raccolta Palatina. Rappresenta una parte significativa della vasta raccolta libraria e archivistica costituita tra il sec. XIII e il sec. XIX dall’omonimo casato fiorentino. Nel 1852, dopo l’estinzione della linea maschile della famiglia, fu acquistato da Leopoldo II per la Biblioteca Palatina Lorenese. Nel 1861 entrò a far parte delle raccolta della Biblioteca Nazionale, con l’unione della Palatina alla Magliabechiana.

Strumenti di accesso:

  • Inventario dei manoscritti trovati nella già Biblioteca Palatina di Firenze in questo giorno 1 febbraio 1862 in cui il bibliotecario prof. Atto Vannucci ha preso la direzione della Biblioteca medesima per unirla alla Biblioteca Nazionale a forma del R. Decreto del 22 dicembre 1861, ms., sec. XIX con annotaz. successive, (Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Sala Manoscritti e Rari, Cat. 9), cc. 40r-49v.
  • Schede Palatine. Inventario alfabetico a schede, ms., sec. XIX, (Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Ufficio Manoscritti, Cass. 10/1-2).
  • Alcuni mss. Baldovinetti (26, 88, 129, 129b, 145-148, 160, 190, 191 [ora Banco Rari 311], 213-226, 227 [ora Banco Rari 325], 228, 245-246) sono descritti nel catalogo dei Palatini di Francesco Palermo.